Massimo Pisa

Lo stato della strage
1969: i precedenti, le bombe, il contesto italiano e internazionale

Storie narrate
pp. 608 | 13 x 21 cm | € 42,00
ISBN 978-88-31365-18-5

Queste che avete in mano sono cronache. Trame di geopolitica e microstorie di apparati e di persone. Ricostruzioni di colpe e di eroismi, singoli e collettivi. Di ragion di stato e di ribellioni a meccanismi infernali. Del lutto pubblico e privato delle vittime, dello shock emotivo di una generazione.

«Il ricorso a operazioni coperte non è stato un atto di forza, ma una manifestazione di debolezza che ha mostrato l’incapacità di dominare, nel quadro della democrazia, le agitazioni sociali».

Mirco Dondi, 2018

Massimo Pisa (Catania, 1975) lavora dal 2001 alla redazione milanese di «Repubblica», dove è cronista di nera, sport e spettacoli. Ha scritto di omicidi e inchieste antimafia, partite di calcio e di basket, concerti rock e jazz.

Piano dell’opera
Volume I, Parte prima
1969: i precedenti, le bombe, il contesto italiano e internazionale.
Volume I, Parte seconda
Le inchieste: piste rosse e nere, controspionaggio, controinformazione.
Volume II, Parte prima
I processi: da Catanzaro a Bari a Catanzaro
Volume II, Parte seconda
Il tempo perduto: riapertura, inchieste parallele, Cassazione 2005 e oltre.

Un’immensa mole di materiale per raccontare lo stato della strage di piazza Fontana nel suo cinquantesimo anniversario; il fatto criminale, la storia delle inchieste minuto per minuto, personaggio per personaggio; investigatori, indagati, apparati, magistrati, politici, militanti, movimenti, vittime. Due generazioni in alta definizione. Senza scorciatoie, senza salti logici. Solo i fatti. Tutti i fatti che conosciamo di una saga lunga cinquant’anni, per rispondere a tre domande: cosa è successo? Cosa sappiamo? Come lo sappiamo?